Maurizio Formiconi foto curriculum 1920 MASC 2,35 2,39 no masc

Maurizio Formiconi - Metodo Feldenkrais® - L'Azione consapevole


Diplomato attore (Centro Internazionale La Cometa, Roma), mi laureo in Teatro e Arti Performative (La Sapienza, Roma) con una tesi su "Il corpo-mente dell'attore nel Novecento. Dalla méthode cartesiana al Metodo Feldenkrais". Inizio a lavorare nel teatro classico con G. Patroni Griffi, G. Lombardo Radice, M. Rigillo, F. Andreotti, I. De Matteo. Parallelamente affronto esperienze professionali più vicine al movimento e alla danza con N. Karpov, G. Borni, E. Cosimi, A. Guerra e il Balletto di Sardegna. Nel 2004 vinco il Premio Positano Leonide Massine, sezione danza contemporanea. All'estero partecipo a numerosi progetti del Tanz Atelier (Vienna) e danzo nell'Ateliê de Coreógrafos Brasileiros (Salvador de Bahia).
Docente di teatro fisico, mi formo come Insegnante del Metodo Feldenkrais®, proseguendo la mia personale ricerca di un corpo presente e consapevole attraverso l'indagine del processo creativo. La mia professione e il mio interesse per il funzionamento del sistema-uomo mi portano a conseguire una seconda laurea in Psicologia e Neuroscienze (Università di Padova) con una tesi su “Embodiment: l'unità corpo-mente fra processo psicoterapeutico e neuroscienze”.
Da oltre dieci anni conduco lezioni di gruppo (CAM®) e individuali (IF®) del Metodo Feldenkrais, un'Officina Teatrale per adulti, workshop e giornate intensive a tema. Fra questi:
- Dalla testa ai piedi - L’immagine di sé in movimento, Sala CantieriScalzi (Roma)
- Quando meno significa più, Shen Institute (Roma)
- L’asse di rotazione - Girare e fare perno col Metodo Feldenkrais, L’altraDanza (Roma)
- Tra movimento e sensazione, Sala CantieriScalzi (Roma)
- L’attore consapevole, Mixò (Roma)
- Il movimento del respiro, Spazio Moola (Roma)
- E-wareness: il processo creativo nell’era digitale (webinar), GBSapri (Roma)

MATERIA D’INSEGNAMENTO

Metodo Feldenkrais® - L'Azione consapevole

A LEZIONE

In cosa consiste il fare dell’attore? Cosa lo rende efficiente su di un palco o davanti a una camera da presa? Qual è il rapporto che esiste tra pensiero, intenzione e azione nella pratica scenica?
Ogni atto creativo si traduce in un’azione fisica. Dal recitare al suonare uno strumento, dal canto alla danza: in tutte le attività che ci coinvolgono, siano esse performative ma anche semplicemente quotidiane, l’arte che affiniamo è l’uso di noi stessi.
Grazie al Metodo Feldenkrais® e a un lavoro di creazione estemporanea, le mie lezioni si propongono come uno spazio-tempo esplorativo per approfondire alcuni aspetti dell’agire scenico e potenziare la creatività, alla ricerca di un attore presente, consapevole e sensibile alle proprie percezioni.

Moshe Feldenkrais ha studiato il corpo in movimento con una precisione che non ho ritrovato in nessun altro.
- Peter Brook